Chi sono? Normalmente preferisco che siano gli altri a parlare di me, ma in qualche modo dovrò pur descrivermi.

Intendo la fotografia come l’esecuzione dei miei acquerelli dove cerco di dare un’idea dell’insieme ma anche di particolari.
Non credo di impersonare il fotografo che rimandi a “frasi da cioccolatini”, mi sento più Rock come personalità. Cerco di instaurare un’intesa sia professionale sia amichevole con le persone. Al tempo stesso amo essere più possibile “invisibile” per lasciare che tutto accada in maniera naturale ed io possa, così, cogliere attimi di assoluta spontaneità dei protagonisti e anche degli invitati.
In questo modo spero possa rimanere, per gli sposi, un ricordo anche del “dietro le quinte”.

 
 

Galleries